Vita, arte, mostre e libri

Paolo Facchinetti nasce nel 1953 a Nembro, dove oggi vive e lavora.
Inizia la sua formazione artistica all’Accademia Carrara di Belle Arti a Bergamo frequentando i corsi di disegno e di nudo sotto la guida del Prof. Mino Marra.
Anche il maestro Cesare Benaglia ebbe una forte importanza nella crescita di Paolo, infatti frequentò il suo studio e il Gruppo Artistico Valbrembo 77 dal 1985 al 1989.

Fin dagli inizi la sua arte è caratterizzata da un forte dualismo. L’astrattismo e la ricerca cromatico-formale convivono con la ritrattistica e la capacità di cogliere l’essenza del soggetto.Il movimento fisico-gestuale dell’attimo in cui il colore si deposita sulla tela è riconoscibile sempre e spesso è parte fondamentale dell’opera.

Dal 1972 Paolo Facchinetti espone le sue opere in numerose mostre personali, collettive e partecipa a rassegne d’Arte nazionali e internazionali.
Nel 1990 e nel 1992, su richiesta della Arti Grafiche Ricordi e di Edizioni Del Cappello (Milano), esegue opere su carta poi serigrafate e numerate.
È stato invitato al progetto itinerante 13×17, a cura di Philippe Daverio e Jean Blanchaert, che è stato presentato tra il 2006 e 2007 presso la Chiesa di Santa Cristina a Bologna, Studio Mic di Roma, Berengo Studio di Murano (VE), Teatro Nuovo Montevergini a Palermo, Museo Michetti di Francavilla al Mare (CH), Museo Provinciale di Potenza, Politecnico di Milano e Chiesa di San Severo al Pendino di Napoli.

La sua attività artistica lambisce anche territori poco frequentati da un artista, succede ad esempio nel 2007, quando è chiamato a realizzare la copertina dell’album Requiem per il gruppo italiano Verdena.

Nel 2008 è uno dei due artisti italiani selezionati alla Biennale del Disegno, di Pilsen – Repubblica Ceca.

La casa editrice Aufbau Verlag, di Berlino, pubblicherà su “Aufbau Literatur Kalender 2013” e “Aufbau Literatur Wochenplaner 2013”, il ritratto di John Fante, un’opera tratta dal progetto Auto Biografie: una serie di quaranta ritratti che tra il 2006 e il 2007, sono stati esposti in molte località tra cui il Centro Culturale L’Orto degli Angeli di Biella, la Galleria Florilegio di Leno (BS) e il Collegio Raffaello di Urbino che ha coronato la mostra con un catalogo edito da Libri Aparte con testi di Viola Giacometti e Sara Mazzocchi.